Aliquota IVA delle piscine, facciamo chiarezza!

L’aliquota IVA piscine:

Facciamo chiarezza su un argomento così complesso

La modalità di assoggettamento ad IVA negli appalti per la realizzazione di piscine, crea non pochi dubbi fra gli operatori del settore anche (e soprattutto) per la differente interpretazione normativa resa da alcuni Uffici dell’Amministrazione Finanziaria  o dai professionisti  che assistono i vari operatori coinvolti. I diversi contesti che possono venire a crearsi, sono spesso motivo di incertezza su quale sia l’aliquota da applicare viste le numerose contestazioni prodotte dagli Uffici, senza trascurare gli immancabili consigli sbrigativi che, “prudenzialmente”, propendono per indicare l’applicazione dell’aliquota del 22%, rendendo particolarmente  importante (e talvolta sbagliato) il carico fiscale indiretto sull’esecuzione dell’opera.

Dunque, la questione che qui ci occupa prende le mosse dalla ricorrenza dei seguenti quesiti:

  • qual è l’aliquota IVA corretta da applicare nella realizzazione della piscina sul terreno di pertinenza della “prima casa”?
  • cambia qualcosa se la piscina viene realizzata contestualmente alla costruzione della casa o se avviene in un secondo momento?
  • e qualora la piscina venga realizzata sulla pertinenza dell’abitazione “non prima casa”, qual è invece l’aliquota IVA corretta da applicare?
  • ho diritto al bonus fiscale Irpef se ristrutturo la piscina? e quale aliquota IVA inciderà sulle spese di ristrutturazione?

Gli argomenti trovano la loro soluzione nel seguente quadro normativo: 

  • dPR 23.10.1972, n. 633
  • 1 Tariffa Parte I^, nota 2-bis) dPR 26.04.1986, n. 131
  • M. 02.03.1994, n. 1/E
  • M. 30.11.2000, n. 219
  • M. 01.03.2001, n. 19/E
  • M. 12.08.2005, n. 38/E
  • M. 39/E del 17.03.2006
  • AdE Guida 2007 sulle Ristrutturazioni Edilizie

Preliminarmente occorre specificare che le abitazioni cosiddette “di lusso”, quelle cioè identificate catastalmente con le categorie A/1, A/8 e A/9, ancorché siano “1^ casa”, sono sempre escluse in generale dalle agevolazioni fiscali e, in particolare, dall’applicazione delle aliquote Iva ridotte tanto nell’acquisto quanto nella ristrutturazione nonché per le analoghe spese che dovessero riguardarne le pertinenze.

Entrando nel merito della questione e dando per scontato che solitamente la piscina venga realizzata sul terreno di pertinenza della casa, vediamo anzitutto cosa dispone il codice civile relativamente alle “pertinenze”. L’art. 817 c.c. recita:  “Sono pertinenze le cose destinate in modo durevole a servizio o ad ornamento di un’altra cosa” e, di seguito, l’art. 818 dispone che “Gli atti e i rapporti giuridici che hanno per oggetto la cosa principale comprendono anche le pertinenze…” potendosi da ciò dedurre che la costruzione della piscina sul terreno di pertinenza della prima casa (non di lusso) possa anch’essa fruire dell’aliquota agevolata del 4% né più e né meno del trattamento riservato all’abitazione… tuttavia, la posizione dell’Agenzia delle Entrate nella Circolare del 30/11/2000 n. 219, da un lato conferma la possibilità di fruire dell’agevolazione fiscale (IVA al 4%) sia nel caso di acquisto del fabbricato con le relative pertinenze, sia nel caso della costruzione mediante appalto, ma sottolinea che “…. l’aliquota agevolata può essere applicata solo   nel   caso   in   cui i lavori effettuati rimangano contenuti nell’ambito del semplice ampliamento. 

Al n. 39 della Tabella A parte II D.P.R. 633/72 si prevede che l’IVA al 4% si applichi genericamente alle prestazioni dipendenti da contratti di appalto relative alle abitazioni non di lusso ma ciò nonostante, non si può non considerare che l’Agenzia delle Entrate tende in prevalenza a negare l’aliquota agevolata del 4%, se la realizzazione della piscina non è contestuale alla costruzione dell’abitazione, quantunque tale vincolo non sia espressamente imposto a carattere normativo. Non è facile comprendere la ratio di differenziare il trattamento IVA in base alla circostanza che la realizzazione della piscina avvenga assieme alla costruzione dell’abitazione di cui è pertinenza, piuttosto che separatamente; fatto sta che, applicando il criterio dell’analogia con riferimento a quanto espresso dall’Agenzia delle Entrate nella guida 2007 sulle ristrutturazioni edilizie dove si limita la fruibilità della detrazione IRPEF del 36% al caso di rifacimento della piscina quando questo ne modifichi i caratteri preesistenti e non anche, per la realizzazione ex-novo della stessa, analogamente, l’IVA al 4% non viene riconosciuta per la realizzazione ex-novo della piscina, quando cioè non coincide con quella della casa di cui è pertinenza, ma è successiva. Relativamente a cosa debba intendersi per realizzazione della piscina mediante “appalto”, si precisa che è tale una piscina costruita in loco, mediante opere quali scavi, getti in cemento o simili mentre, sembra il caso di segnalare che la semplice fornitura di una piscina fuori terra,  pur con l’installazione dell’impianto di trattamento acqua, non è configurabile come appalto.

Altra circostanza che non consente la fruibilità dell’aliquota agevolata nella realizzazione della piscina, e ciò indipendentemente dalla contemporaneità della sua esecuzione rispetto a quella dell’abitazione di cui è pertinenza, è la sussistenza di altra pertinenza che ne abbia già beneficiato (R.M. 39/E del 17.03.2006):  l’aliquota IVA del 4% è applicabile alle pertinenze della prima casa, limitatamente ad una sola per ciascuna delle unità immobiliari classificate o classificabili tra cantine e soffitte, autorimesse, tettoie chiuse o aperte, anche se acquistate separatamente dall’abitazione. Per questa fattispecie le contestazioni dell’AdE sono numerose in quanto, con riferimento al titolo edificatorio per la realizzazione della piscina laddove sia già presente un’altra pertinenza che abbia fruito dell’agevolazione dell’IVA al 4%, si ritiene venuto meno il vincolo di pertinenzialità eventualmente richiamato dal committente/cessionario per giustificare la richiesta all’appaltatore/cedente di applicazione dell’aliquota agevolata e, di conseguenza, l’Ufficio procede al recupero dell’IVA quantificato nella differenza fra il 10% dovuto ed il 4% applicato, ovviamente maggiorato di sanzioni ed interessi; tale contestazione avviene peraltro nei confronti del cedente o dell’appaltatore “quale unico responsabile della correttezza dell’aliquota Iva applicata alla cessione o alla prestazione anche quando dipende da informazioni o dichiarazioni fornite dal cessionario” (Cassazione 3291 del 2012) il quale, eventualmente, potrà in seguito rivalersi nei confronti del cessionario o committente per quanto fosse stato tenuto a versare all’Ufficio.

Fornendo la sintesi di quanto precede in risposta ai ricorrenti quesiti enunciati in apertura, concluderei:

ALIQUOTE IVA APPLICABILI
Realizzazione in appalto o acquisto Ristrutturazione
Ppiscina su 1^ pertinenza Piscina su pertinenza oltre la prima Finalizzata al “bonus 36%”
Immobile di lusso 22% 22% 22%
1^ casa non di lusso 4% se contestuale 10% se successiva 10% 10%
Non 1^ casa 10% 10% 10%
  • sulle abitazioni «di lusso» e per le realizzazioni di opere sulle relative pertinenze, è sempre applicabile l’aliquota IVA ordinaria del 22%
  • l’aliquota IVA del 4% è applicabile alla realizzazione della piscina sul terreno di pertinenza della 1^ casa a condizione che sia contestuale alla costruzione di questa e che il terreno costituisca la “prima” pertinenza (nel senso che non ve ne deve essere un’altra che abbia precedentemente fruito del beneficio dell’IVA al 4%)
  • la piscina che venga realizzata in un secondo momento rispetto all’abitazione ovvero, sulla pertinenza “successiva alla prima”, sconta l’aliquota 10%
  • la ristrutturazione della piscina, fatta eccezione della eventualità che sia pertinenza di immobile “di lusso” nel qual caso sarà incisa dall’aliquota del 22%, è sempre soggetta all’aliquota IVA del 10%, a nulla rilevando che si tratti di 1^ casa o meno; per quel che riguarda la fruizione del bonus fiscale Irpef del 36%, sono invece a beneficio di tutti i tipi di immobili su riportati
  • si segnala infine che per l’applicazione di un’aliquota IVA diversa dal 22%, tanto per appalti quanto per acquisti, il committente o cessionario deve sempre rilasciare all’appaltatore o venditore la specifica dichiarazione che giustifichi la richiesta di agevolazione a seconda delle varie fattispecie invocate

 

Credits: Professioneacqua.it

Analizzatore acqua per piscine

L’ analizzatore acqua per piscine Blue Connect rileva i parametri relativi alla tua piscina: temperatura, pH, cloro e sali disciolti e ti dice cosa devi fare direttamente sulla app Blue Connect del tuo smartphone. Mai più problemi di acqua verde, acqua torbida o errori di pH con Blue Connect!

Non solo piscine

Da Franzoni Piscine non troverai solo piscine ma anche Saune e vasche idromassaggio.

Per liberarti dallo stress quotidiano e recuperare le energie in perfetto relax regalati una vera e propria SPA a casa tua!

Per informazioni:

Tel. 030901185

Ghedi (Brescia) Loc. Ponterosso
Via Gottolengo, 2
info@franzonipiscine.it

Come fare una piscina

Breve guida per partire con il piede giusto!
Per la Realizzazione della Tua Piscina, non affidarti al primo che incontri, cerca e scegli la Professionalità…
Ascolta i consigli di Piero!